Alluce valgo

Addio ai tacchi alti?

Due o tre informazioni per affrontare meglio il problema dell’alluce valgo e conviverci senza peggiorarlo.

foto
Sofia Scanzi
Blogger & Web Designer
fototacchi
alluce valgo12

Nessuno è perfetto

Se sei arrivata fin qui probabilmente sai già cos’è l’alluce valgo e probabilmente fai parte della larga schiera di persone che ne sono affette.  Anch’io ne faccio parte da qualche anno, nonostante sia piuttosto giovane; purtroppo anche mia mamma ne soffre ed è spesso ereditario.

In compenso cerchiamo di capirne l’origine: l’alluce valgo è una patologia causata da una particolare predisposizione ereditaria o una patologia di tipo autoimmune. Colpisce soprattutto le donne (che fortuna, eh?), spesso si evidenzia in età avanzata ma può comparire anche da giovani (appunto!).

Se questo vi può consolare, i piedi qui a finaco sono di Uma Thurman, ma anche Amal clooney (nella foto sotto), Meghan Markle, Victoria Beckham, Naomi Campbell, Catie Holmes, Lane Briant, Michelle Hunziker e molte altre VIP ne sono affette.  

E quindi?

Quindi ci sono due ordini di problemi:

Problema estetico, alcune di noi se ne fregano di questo problema e calzano le scarpe che amano senza farsi condizionare, ma se sei come me, e qualche problema la cipollotta te lo dà, allora sei nel blog giusto, vedremo come scegliere le scarpe adatte.

Problema medico, qui mettiamo il dito nella piaga perchè anche se non è provato che la scarpa a punta stretta e tacco alto possa da sola causare la comparsa dell’alluce valgo, è sicuramente considerato un fattore che può contribuire ad aggravare lo stato di infiammazione già esistente. Quindi sì, addio al tacco 12… Ma come dobbiamo scegliere le calzature per non peggiorare la situazione e sentirci sempre a nostro agio? Esistono dei dispositivi che possono alleviare il fastidio o il dolore?

Come devono essere le scarpe

Prima di tutto devono essere scarpe morbide e di buona qualità, siamo invasi da scarpe di plastica ma nel nostro caso sarebbe meglio una morbida scarpa in pelle, sopratutto quelle chiuse.

Se non vuoi rinunciare ai tacchi scegli comunque una punta sufficientemente ampia da ospitare le dita dei piedi senza costringerle e con scollature o cuciture che non taglino la pelle proprio sull’osso. Nella foto a fianco un esempio da non seguire, la punta stretta costringe le dita, lo scollo passa esattamente sopra la cipolla causando irritazione e dolore.

scarpe fuxia 1

Alcune idee per l'estate...

Per quanto riguarda i sandali puoi spaziare liberamente, se non hai problemi puoi continuare a comprare sandali con laccetti finissimi, l’importante è che non passino proprio sulla parte dolorante. Se invece, come me, vuoi nascondere la cipollota,  scegli per sandali con fascia incrociata, sono i migliori per contenere il piede, oppure con una fascia sufficientemente larga da tenere l’intera giuntura.

Alcune idee per l'autunno...

Per quanto riguarda le scarpe scarpe chiuse, meglio scegliere scarpe morbide con punta arrotondata e di buona qualità. 



Supporti ortopedici e creme

Purtroppo i tutori, divaricatori, guaine e plantari in vendita non possono curare l’alluce valgo, ma possono proteggere la zona dallo sfregamento e quindi aiutarti ad alleviare il dolore, soprattutto se è all’inizio. Ad esempio io uso questo dispositivo in silicone molto morbido e di qualità. 
Riguardo alle creme lenitive, quando la cipolla è infiammata, io mi trovo bene con questa crema, a base di salicilato di metile, le cui proprietà antiinfiammatorie sono aiutate da artiglio del diavolo, arnica e olmaria.



Da tenere bene a mente

È importante tenere sotto controllo la deformità e sottoporsi ad una visita specialistica non solo nel caso il dolore diventi importante, ma anche nei casi in cui la deformità abbia una rapita evoluzione. Purtroppo l’unico trattamento dell’alluce valgo è  chirurgico.

Se pensi che questo articolo sia stato utile ti chiedo un favore; nel caso volessi acquistare uno dei prodotti che ho indicato, saresti così gentile da effettuare l’acquisto seguendo il link della mia pagina?
In questo modo a te non cambierebbe nulla ma a me sarebbe riconosciuta una piccola percentuale che mi aiuterebbe nella gestione del sito e soprattutto mi indicherebbe che il mio lavoro di ricerca dei prodotti è stato apprezzato.

Ti piacerebbe avere un blog o un sito?

Avere un blog o un sito non è mai stato così facile, se vuoi posso darti qualche consiglio (gratis naturalmente!)  o posso crearne uno per te…